Regole d’oro per il brodo di carne perfetto

A prima vista il brodo potrebbe risultare una ricetta così semplice, quasi neanche da dedicarci un articolo o scrivere una ricetta. Essenzialmente occorrono: acqua, verdure e soprattutto i giusti tagli di carne.

La qualità della carne gioca quindi un ruolo fondamentale nel far risultare un brodo gustoso e piacevole. Si possono usare tagli bovini in purezza o misti al pollame o cappone.

La regola numero uno è quella di mettere la carne nell’acqua fredda in modo che il calore crescente estragga tutti i suoi profumi. La verdura completa i profumi del brodo: la cipolla, il sedano, la carota e l’alloro sono tra gli ingredienti immancabili. Il brodo va anche salato, ma vi consigliamo di non farlo all’inizio perchè dovete tener conto dell’evaporazione dell’acqua e quindi della concentrazione.

La cottura della carne deve essere lunga e non violenta per estrarre tutti i profumi della carne. Dopo la cottura, per avere un brodo meno grasso, lasciatelo raffreddare e mettetelo in frigo per qualche ora. Sulla superficie il grasso in eccesso sarà facilmente eliminabile per una schiumarola o un cucchiaio.

Potete usare il vostro brodo per ottimi risotti, tortellini in brodo e ogni altra ricetta che lo richieda.

Il brodo si conserva in frigorifero per qualche giorno, preferibilmente in un contenitore o una bottiglia di vetro.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su pinterest
Pinterest